QUANDO ARRIVA IL FRATELLINO …

QUANDO ARRIVA IL FRATELLINO …

“Il piccolo Nicolas e i suoi genitori” è un simpaticissimo film francese del 2009, in cui il protagonista crede di capire, dai discorsi di mamma e papà, che presto arriverà un fratellino.

Preso dallo sconforto e dalla paura di perdere l’amore dei genitori, Nicolas cercherà in tutti i modi di boicottare l’arrivo dell’intruso pianificando addirittura di sbarazzarsi del neonato … alla fine, dopo una serie di rocamboleschi avvenimenti, farà nascere inconsapevolmente nei genitori il desiderio di avere un altro bambino. Quando si convince che sarà bello avere un fratello a cui insegnare a giocare a calcio e con cui andare in bicicletta …. arriverà una sorellina. All’inizio la cosa lo sconforta … poi un giorno a casa prendendola in giro con mille boccacce, scopre che in realtà farla ridere è divertente … e capisce cosa vuole fare da grande: il comico.

La storia di Nicolas è la storia di tutti i bambini del mondo che temono, con l’arrivo del fratellino, di perdere l’amore di mamma e papà e di dover dividere le attenzioni e le cure con un nuovo arrivato.
Per questo è necessario che siano mamma e papà a coinvolgere fin dall’inizio il bambino spiegandogli che l’arrivo del fratellino o della sorellina porterà solo gioia e amore.
Anche se piccolo, un bambino capisce che qualcosa sta cambiando … per questo bisogna coinvolgerlo da subito …

  • parlandogli del fratellino che presto arriverà,
  • rassicurarlo spiegandogli che mamma e papà continueranno ad amarlo come prima, nessuno lo metterà in disparte e che sarà divertente avere un fratellino con cui giocare e crescere insieme, a cui insegnare tutte le meravigliose scoperte fatte …
  • raccontargli di quando anche lui era un neonato e che proprio come il fratellino, da neonato, anche lui non faceva altro che piangere, dormire e mangiare … nel suo immaginario il fratellino è un coetaneo, non si aspetta di vedere un fagottino odoroso …
  • facendolo partecipare all’evento scegliendo insieme la culla, le tutine e magari comprando un regalino che sarà il suo pensiero speciale di benvenuto per il fratellino.

Può succedere che il desiderio di attenzioni è tale che il bambino regredisce pensando che comportandosi come il fratellino riguadagnerà tutte le cure che crede di aver perso … e allora può capitare che bagni il letto, che voglia stare sul passeggino, che voglia prendere il ciuccio, mangiare dal biberon. L’importante è non perdere la pazienza e non farlo sentire in colpa. Si tratta solo di un periodo di transizione che passerà così come è venuto.

Seguirà un momento bellissimo in cui i fratellini diventeranno complici e migliori amici, ma sempre col prezioso aiuto di mamma e papà. Del resto anche Nicolas alla fine si rende conto di essere affezionato alla sorellina che, ridendo in adorazione alle smorfie del fratello, è stata il suo vero primo pubblico.

Potrebbe interessare